Giorgio Chiogna medico chirurgo odontoiatra e gnatologo è deceduto improvvisamente a Roma il 25 luglio 2021, all'età di 70 anni. Ha lavorato a Roma presso il Centro Santa Maria della Pace, Fondazione Don Carlo Gnocchi e come libero professionista presso il suo studio privato.

Il Dott. Chiogna era nato a Roma nel 1951 da una famiglia colta con interessi molto vari. Suo padre Carlo era un chirurgo odontoiatra, un eccellente giocatore di scacchi, un raffinato pittore ed aveva una vasta conoscenza dei classici, della letteratura, della storia e della filosofia.

Aveva frequentato una delle scuole secondarie più prestigiose di Roma, il Liceo/Ginnasio Torquato Tasso ottenendo il Diploma di Maturità Classica nel 1971. L'anno precedente aveva subito un’ingiusta bocciatura all’esame di maturità. Questa era stata la sua prima dolorosa esperienza di politicizzazione istituzionale e corruzione che lo avrebbe segnato per il resto della sua vita. Un costume che sarebbe diventato una norma in un'Italia che cominciava a diventare invivibile.

Nel 1977 aveva conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia con la votazione di 110 e lode presso l'Università degli Studi "La Sapienza" di Roma.
Dal 1978 al 1980 aveva svolto un tirocinio in Radiologia prima di decidere di intraprendere una carriera in chirurgia odontoiatrica e nel 1982 aveva conseguito il Diploma di Specialista in Odontostomatologia con la votazione 110 e lode presso l’Università degli Studi "La Sapienza" di Roma.

Aveva detto che: “la chirurgia odontoiatrica soddisfaceva la sua passione per la piccola chirurgia e per la medicina complessa del cavo orale e dell'articolazione temporo mandibolare". Ciò lo aveva stimolato ad acquisire una profonda conoscenza dell'anatomia, della fisiologia e della patologia della testa e del collo, nonché della clinica medica pertinente, in particolare della neurologia. Giorgio Chiogna è stato in grado di padroneggiare queste discipline grazie alla sua formazione di base in medicina.

All’inizio degli anni 90 aveva sofferto di una grave malattia con postumi di lunga durata e, contemporaneamente, aveva affrontato circostanze personali molto difficili e laboriose. Aveva superato queste avversità con grande coraggio, intelligenza e lavoro instancabile raggiungendo i massimi livelli nella sua professione.

Nel decennio successivo frequentava corsi di gnatologia, axiografia e sistematica SAM, chirurgia maxillo facciale, ortodonzia ed elettromiografia.

Nel 1999 veniva nominato Direttore del servizio di Gnatologia presso il Centro Santa Maria della Pace, Fondazione Don Carlo Gnocchi. Aveva creato un team multidisciplinare con otorinolaringoiatri, neurologi e fisioterapisti. Aveva forgiato una stretta collaborazione con la radiologa prof Silvana Giannini, sviluppando diverse tecniche radiologiche per la valutazione dei disturbi dell'articolazione temporo mandibolare. Nel 2003 il suo servizio veniva premiato al concorso “Eccellenza in Medicina”.
Era un pioniere nella gestione dell'acufene somatosensoriale.

Nel 2000 incontrava il prof Rudolf Slavicek ed il prof Sadao Sato che aveva definito "geni insuperabili per l’ortodonzia complessa che hanno semplificato problemi difficili". Questo evento avrebbe cambiato la sua vita professionale.

Nel 2003 conseguiva il Master in Odontoiatria Multidisciplinare presso l'Università Donau di Krems (Austria).
Nel 2004 otteneva il Master in Ortodonzia nei disordini articolari dell’articolazione temporo mandibolare presso il Kanagawa Dental College, Yokosuka.

È stato Socio Fondatore e Presidente dell'AGO (Associazione di Odontoiatria Gnatologica) e responsabile culturale del sito gnatologia.org.
E' stato Socio Fondatore dell'AIG (Associazione Italiana di Gnatologia), socio della ICOM (Interdisciplinary Conference Occlusion Medicine) ex IAAID Academy (International Academy of Advanced Interdisciplinary Dentistry) e socio del Functional Anatomy Research.

Era un insegnante entusiasta ed appassionato ed aveva formato molti odontoiatri e gnatologi. Era sempre disposto a dare i suoi consigli ed a condividere la sua esperienza e conoscenza.
È stato docente di Gnatologia al Master "Tecniche Complementari in Medicina Riabilitativa" tenutosi presso l'Università degli Studi 'La Sapienza', Roma.

Di lui scrive il prof Rudolf Slavicek:"Giorgio è sempre stato desideroso di conoscenza e aperto a molti argomenti che sono anche di grande interesse per me. Mi mancheranno le discussioni con lui, così come mi mancherà il suo meraviglioso e piacevole senso dell'umorismo".
Giorgio Chiogna era un uomo erudito e un intelletto superiore. Era colto ed aveva un ampio spettro di interessi: il latino, il greco, la letteratura, la storia, la filosofia, la musica classica e la fotografia.
Da giovane ha praticato il calcio, il judo ed il nuoto.
Era un uomo di livelli morali elevati, scrupolosamente onesto, vivace, eccentrico con una sua particolare forte personalità. Era anticonvenzionale e le persone che lo capivano si trovavano di fronte a un uomo buono, gentile e generoso. Disprezzava ed evitava il servilismo e l'ossequio. Era modesto e riceveva il più profondo affetto dalle persone che lavoravano con lui.

Lascia la devota moglie Patrizia Milioni che ha lavorato con lui per 30 anni ed un figlio Michele da un precedente matrimonio.

Lionello D. Coen, MD, MSci, FRCS