A.G.O. Onlus e Don Gnocchi

Con il contributo della fondazione Carlo Baroni l’associazione A.G.O onlus ha progettato un ambulatorio di gnatologia che la fondazione Don Carlo Gnocchi onlus ha ospitato presso il centro Santa Maria della Pace – Roma.

La struttura realizza un progetto terapeutico integrato per la terapia dei problemi dell'articolazione temporo-mandibolare che coinvolgono la colonna cervicale e posturali in generale.
La struttura ha partecipato con successo al premio per l’eccellenza in sanità della la regione Lazio per il 2003.

AMBULATORIO DI GNATOLOGIA

presso il Centro Santa Maria della Pace della Fondazione Don Carlo Gnocchi o.n.l.u.s – Roma

Direttore Dott. Giorgio Chiogna

Lo sviluppo mondiale degli ultimi decenni dimostra che si sta verificando un notevole processo di cambiamento nell’ambito delle discipline odontoiatriche: stanno nascendo nuove branche e specialità e si assiste a una spiccata tendenza verso la reintegrazione dei diversi aspetti nella gnatologia odontoiatrica. Tale ristrutturazione ha portato a un importante ampliamento dello spettro dei servizi offerti dallo studio dentistico.

Aumenta il numero dei pazienti che non lamentano un problema odontoiatrico particolare ma una sintomatologia dolorosa o disfunzionale connessa con l’organo della masticazione: dolori facciali, cefalea muscolo-tensiva, instabilità (sindrome vertiginosa minore), blocchi della articolazione della mandibola,instabilità della colonna cervicale accompagnata a dolori a livello della colonna cervicale.

Questa sintomatologia può essere connessa a problemi della crescita della faccia in età evolutiva determinando problemi per l’estetica del viso e per la funzione masticatoria e della fonazione oltre a problemi legati alla visione bioculare. Oltre ai compiti tradizionali della chirurgia orale, dell’implantologia, dell’ortodonzia e della parodontologia vengono inseriti nuovi aspetti diagnostici e terapeutici, che si integrano in maniera ideale nell’ambito della nostro ambulatorio di gnatologia.

Dopo avere attentamente individuato le cause attraverso la diagnosi nel nostro centro, le patologie a carico del parodonto vengono trattate sia a livello specialistico che mediante l’igiene orale professionale e la profilassi. Eventuali interventi chirurgici accuratamente pianificati possono essere eseguiti ambulatorialmente. E’ possibile pianificare una ricostruzione protesica in caso di edentulie già esistenti, in collaborazione con odontoiatri esterni. La protesi su impianti riveste un ruolo primario: possiamo contare su un team interdisciplinare di esperti nelle varie branche, dal piano di trattamento fino al completamento delle diverse fasi.

E’ possibile anche in questo caso la collaborazione con professionisti esterni all’istituto. Gravi casi di disgnazie con necessità di interventi combinati di chirurgia maxillo-facciale e correzioni ortodontiche vengono pianificati con un approccio interdisciplinare ed eseguiti con un management controllato. Il nostro reparto di gnatologia si occupa soprattutto anche della diagnostica e della terapia iniziale dei disturbi funzionali dell’organo masticatorio. Tali disturbi funzionali sono generalmente accompagnati da dolori cronici a carico della regione cranio-facciale e, spesso, sono legati a tensioni psichiche e a bruxismo notturno. Tali problemi cronici all’interno dell’organo masticatorio e nell’intera regione della testa e del collo rappresentano una patologia interdisciplinare in senso lato. I disturbi in quest’area sono in aumento dal punto di vista epidemiologico nel mondo intero. Spesso questo tipo di problematiche si può risolvere soltanto attraverso una vasta collaborazione interdisciplinare come avviene nel nostro ambulatorio in cui una parte è adibita a trattamento riabilitativo dell’ articolazione temporo-mandibolare.

ELENCO SERVIZI OFFERTI
  • diagnostica,diagnostica radiologica e terapia delle disfunzioni cranio-mandibolari e della sintomatologia dolorosa a carico della regione cranio-facciale ad esse correlata
  • speciale diagnostica e terapia dei problemi funzionali o strutturali delle articolazioni temporomandibolari (approccio conservativo o chirurgico)
  • diagnostica delle disgnazie e delle malocclusioni per la pianificazione della terapia ortodontica o chirurgico-ortodontica e ortodonzia preprotesica
  • diagnostica, pianificazione e terapia delle parodontopatie
  • diagnostica e terapia nel paziente edentulo
  • piano di trattamento e interventi di chirurgia implantare
  • gamma completa degli interventi di chirurgia orale
  • complesso piano di trattamento interdisciplinare, coordinazione dell’attività di consulenza per pazienti complessi
  • pianificazione e preterapia per la riabilitazione protesica di pazienti edentuli
  • programmi di riabilitazione funzionale per l’apparato stomatognatico di pazienti con particolari problemi medici
  • igiene dentale professionale
  • assistenza odontoiatrica ai degenti
  • collaborazione con reparti speciali interni alla clinica (radiologia, fisioterapia, otorinolaringoiatria e ortopedia)
  • collaborazione con la clinica del sonno per valutare e trattare le abitudini del brussismo notturno.

Una componente fondamentale della ristrutturazione nell’ambito delle discipline odontoiatriche è l’attenzione rivolta alle richieste dei medici esterni. Su richiesta viene eseguita soltanto la diagnostica con il relativo referto, la pianificazione ed eventualmente la terapia iniziale. Successivamente il paziente viene nuovamente inviato al medico curante esterno alla clinica. Tale medico può venire coinvolto in tutte le fasi diagnostiche e terapeutiche e ha la possibilità di collaborare in team; addirittura ciò è auspicabile per i casi più complessi. Su richiesta si può procedere naturalmente anche alle fasi terapeutiche definitive.

 

DIAGNOSTICA
La diagnostica comprende l’analisi clinica delle funzioni dell’organo masticatorio, la realizzazione dei modelli delle due arcate, il montaggio nell’articolatore a valori individuali, la rilevazione strumentale della dinamica dei movimenti mandibolari e la diagnostica dell’articolazione temporo-mandibolare, sia clinicamente che con l’analisi strumentale e radiologica. Attraverso l’applicazione del metodo elettronico per la registrazione dei movimenti funzionali è possibile interpretare in maniera dinamica la diagnostica per immagini. Viene anche eseguita la diagnostica ecografica.

L’analisi della struttura scheletrica del cranio mediante diagnostica su base radiografica (teleradiografia), l’attribuzione alle principali tipologie scheletriche e la valutazione tridimensionale sono ulteriori settori di specializzazione della collaborazione interdisciplinare con le branche dell’otorinolaringoiatria, chirurgia maxillo-facciale e con odontoiatri esperti. La diagnostica dettagliata della muscolatura attraverso l’analisi clinica funzionale, la valutazione sulla base di indagini elettromiografiche e la riabilitazione funzionale risultano possibili sulla base della collaborazione interdisciplinare.

L’esame della funzione della fonetica indagando sui rapporti fra disturbi funzionali primari o secondari implica la partecipazione della logopedia nel dialogo per la diagnostica e terapia. La diagnostica della postura del corpo e del capo e dell’intero apparato motorio per l’identificazione delle cause dei problemi presuppone il coinvolgimento del fisioterapista esperto. A causa della complessità dell’approccio causale, in presenza di problemi occorre procedere a un esame neurologico preliminare, eventualmente in collaborazione con un neurologo nella fase di analisi e di terapia del paziente. Per il settore odontoiatrico-odontotecnico, per la diagnostica pratica è necessaria l’analisi dei modelli montati, eventualmente in combinazione con molaggio, ceratura e set-up in articolatore. Ne consegue la diretta collaborazione con odontotecnici specializzati.

A causa della cronicità di alcuni stati dolorosi, in molti casi occorre tenere conto del coinvolgimento psichico. In una determinata percentuale occorre tenere conto di patologie primarie psichiche vere e proprie con proiezione sulla sfera organica. Per tale motivo si richiede una diagnostica specifica psicologica e psichiatrica interdisciplinare. A causa dell’intersecazione fra le diverse branche nella regione della testa e del collo deve essere organizzata una stretta collaborazione, ai fini di una consulenza diagnostica con l’otorinolaringoiatra, per poter aiutare immediatamente il paziente. Lo stesso vale per le altre consulenze diagnostiche nell’ambito della medicina generale.

Lo studio interdisciplinare dei referti raccolti, l’elaborazione di una diagnosi e lo sviluppo di un piano di trattamento in team vengono consentite dalla presenza di specialisti delle diverse discipline all’interno della clinica.