Mal di collo (cervicalgia) per malocclusione – Caso 118A

, , ,

SINTOMI DEL PAZIENTE

Il sintomo principale riferito da questa paziente, una ragazza di 29 anni, è il mal di collo, quindi una cervicalgia, costante e molto fastidiosa che, nonostante molti tentativi precedenti, non è stata risolta.

DESCRIZIONE DEL CASO

Dalla visita gnatologica di routine, si evince immediatamente che la posizione della testa non è verticale (è inclinata verso destra), che la linea mediana delle arcate è deviata anch'essa a destra, che il morso è leggermente aperto, che il canino superiore sinistro è parzialmente incluso e l'assenza del 46.

Posizione della testa alla prima visita

Linea mediana deviata a destra

Ortopanoramica

 

TERAPIA ADOTTATA

Lo scopo della terapia è quello di ripristinare la corretta posizione della mandibola. Per farlo occorre prima aver riposizionato il canino parzialmente incluso e richiuso il morso.

E' opportuno concludere poi l'intervento terapeutico con l'inserimento del 46 mancante.

Inizio trattamento ortodontico

Inizio terapia MEAW

Fine trattamento con inserzione dell’impianto in sede 46

La paziente ad inizio e fine cura

Con la chiusura del morso e il riposizionamento della mandibola la paziente ha recuperato anche la corretta posizione della testa e non ha più dolori alla cervicale.

CONCLUSIONI

In questo caso si può notare come una terapia ortognatica sull'articolazione temporo mandibolare (ATM), destinata a ripristinare il suo corretto funzionamento, può influire anche sulla postura del paziente, contribuendo con successo alla risoluzione di problemi algici ad essa collegati.

Anche in questa occasione la terapia MEAW, si è dimostrata particolarmente efficace.

Il risultato si è dimostrato stabile nel tempo come dimostra l'intervista alla paziente a 7 anni dalla fine del trattamento.

INTERVISTA PAZIENTE 7 ANNI DOPO LA FINE DEL TRATTAMENTO

… 7 ANNI DOPO