Visita gnatologica online via Skype

La visita gnatologica online

A.G.O. ha attivato il servizio di visita gnatologica online tramite l'uso di Skype: questo ha rappresentato un novità mondiale assoluta in campo gnatologico e odontoiatrico in generale. Come medico, per me, ha rappresentato un’esperienza estremamente stimolante che mi preme illustrare nel suo portato culturale e nella sua efficacia.
Skype è l’espressione dell’avvenuto salto “paradigmatico” in campo odonto-stomatologico. La persona che ha richiesto la visita voleva avere un consiglio tecnico riguardante una complessa sintomatologia da lui lamentata derivante dalla instabilità dell’occlusione per l’asimmetria dei contatti dentali nei due lati delle arcate. La visita, naturalmente, ha potuto essere fatta mentre si vedevano insieme le radiografie che il paziente aveva fatto in precedenza. Apparentemente, non avendo la possibilità di guardare in maniera appropriata dentro la bocca del paziente, questa mai sarebbe potuta essere la visita ideale ma vedendo contemporaneamente i file delle radiografie come allegati in Skype non ha perso molto la visita in “digitale” rispetto alla visita tradizionale. E' stata l’occasione per chiarire tutta una serie di problemi collaterali come il “precipitare” in avanti della bocca del paziente riconducibile alla variazione del piano occlusale. E' stata inoltre, l’occasione per chiarire che cosa si poteva fare e le possibilità di diversificare il trattamento in funzione di quello che si voleva raggiungere: il paziente era il soggetto ma per essere pienamente soggetto doveva poter decidere e per decidere doveva sapere.
Il termine dentista definisce una professione e ne limita la competenza al dente; questo può essere realizzato solo alla poltrona: “dentista” nega la necessità di un colloquio. La dimensione low cost spinge in questa direzione, ma i sintomi che sono associati ai problemi occlusali necessitano di tempi e modi per essere espressi e soprattutto di un’occasione che dal dentista in genere è negata. Skype ha segnato un salto tecnologico per un’occasione mai vissuta negli studi dentistici: parlare dei sintomi legati all’organo della masticazione. Skype “forza” un colloquio ravvicinato e diretto in cui la bocca può essere vista da vicino nella sua espressione morfo funzionale, infatti:

  • posso osservare i rapporti mandibola-mascella
  • la qualità della dizione
  • la libertà e la simmetria dei movimenti mandibolari
  • guidando la persona posso testare la dolorabilità di zone significative del viso

Ho potuto osservare lo stato emotivo e in questo caso , constatare l’armonia coniugale presente facendo quello che consigliava Ippocrate (nel 500 a.C): osservare nell'ambiente domestico il paziente. La tecnologia informatica viene sempre associata al riduttivismo strumentale meccanicista contro cui si erge la necessità della dimensione olistica; con Skype ci siamo riappropriati della parola come strumento diagnostico-clinico insuperabile nella sua infinita possibilità di modulare nel significato e nell’espressività la descrizione dei propri sintomi.

Il medico in Skype usa la visita tradizionale, fatta di parole, che porteranno se necessario, ad esami strumentali e a terapie in cui si metterà mano alla struttura dentale per fini funzionali.

Author Info

Staff A.G.O.

A.G.O. Onlus è un'associazione no profit che si occupa di divulgare la conoscenza gnatologica in Italia.